Terapia ormonale e disturbi cognitivi

“Aspetta aspetta..cosa mi avevi detto”?Tranquille ragazze,non c’è nessun problema conficcato nella vostra testa..NO PANIC!E’ stato confermato da recentissimi studi legati alla chemioterapia ma anche alle terapie di mantenimento,la presenza di sempre più frequenti “disturbi cognitivi”.Questo è ciò che succede al nostro cervello a seguito di terapie a lungo termine.Ci succede spesso perciò di sentire il bisogno di scrivere tutto in agende,di azionare la sveglia sul nostro cellulare o di chiedere a chi ci sta intorno,di ricordarci continuamente ciò che è fortemente essenziale NON DIMENTICARE.Diventa per questo più articolato riuscirci a gestire nel lavoro.Quante volte ci siamo messe in auto guidando per chilometri con una chiara destinazione in testa,per poi arrivare al primo incrocio e..dimenticare!Ma dove stavo andando?Quante altre volte invece,alzandoci velocemente da una poltrona o dal divano di casa,abbiamo percepito quel forte capogiro come a presagire una sorta di svenimento?E’ un pò come essere nel corpo di una persona di settant’anni,coscienti di averne molti molti meno..Esistono soluzioni per queste problematiche?Vi sono degli accorgimenti,questo assolutamente si.Primo fra tutti è LO SPORT.La possibilità dunque di tenerci in movimento e portare ossigeno al nostro cervello.Leggere,fare cruciverba o dedicarci alla scrittura.Anche queste possono rappresentare delle buone soluzioni..Viene anche spiegato che,lì dove alcuni sintomi diventassero ingestibili al punto da “invalidare” il nostro stato di salute,è preferibile consultare il nostro oncologo di fiducia.Vi ricordiamo anche che sulla nostra community grazie a Nemo – Allenamento e cancro,è possibile visionare alcuni articoli che vanno in soccorso di donne che vengono particolarmente colpite da questa problematica con la possibilità di ottenere consigli sull’esercizio fisico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.