#riabilitazione senologica e #fisioterapia

Il reggiseno dopo l’intervento al seno (anche molto tempo dopo!) conta più di quanto pensi… e per più aspetti di quanto pensi.


Nel periodo subito successivo all’intervento è fondamentale seguire le indicazioni del chirurgo sull’uso del reggiseno (generalmente notte e giorno, per un periodo variabile – in media quaranta giorni).
Quando è passato un po’ di tempo – settimane, mesi, anni – usare il reggiseno adatto a noi è ancora fondamentale. Perché?
#cicatrici ???? spesso trovare il giusto modello aiuta ad avere meno problemi per le cicatrici nella zona sotto il seno, dove cuciture e rinforzi possono dare più fastidio, ma anche sul lato esterno del seno, dove le stecche del reggiseno potrebbero dare dolore all’estremità delle cicatrici (spesso da quadrantectomia)
#gonfiore ???? se indossiamo un modello di reggiseno “classico” (anche senza ferretto) che veste stretto o è della taglia giusta ma lo indossiamo per molte ore al giorno (tutto il giorno), questo potrebbe darci la sensazione di maggiore pesantezza e gonfiore nella zona del seno, dell’ascella o del braccio.


Cosa possiamo fare?

1. Provare a utilizzare reggiseni più morbidi per l’uso quotidiano (spalline più larghe, fascia più alta e meno rigida), riservando quelli più “strutturati” per le occasioni serali o speciali. 

2. Indossare il reggiseno di giorno ed evitarlo di notte (o preferire per la notte reggiseni molto morbidi che non stringano).

3. Ultimo ma non meno importante: trovare la nostra attuale taglia di reggiseno, con l’aiuto di persone esperte o cominciando a prenderci qualche misura (come illustrato da @amoena) 


Vi è mai capitato di avere difficoltà (per cicatrici, gonfiore) con alcuni tipi di reggiseno? Con quali invece vi trovate meglio?

???????????? 

dott.ssa Silvia Lunardon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.